Book our best online offers

Storia, tradizione e cultura ladina di Selva in Val Gardena

Submit to FacebookSubmit to Twitter

Imparate a conoscere meglio la lingua, la cultura e le usanze della Val Gardena - Vi aspettiamo per una vacanza da sogno all’insegna della cultura, dello sport e del relax nelle Dolomiti

Oltre alle bellezze paesaggistiche, la Val Gardena offre un ampio programma culturale e molte altre attrattive. Chiese, cappelle, musei, mostre permanenti ed ogni sorta di eventi illustrano la natura e la tradizione ladine. Trascorrete una vacanza culturale nel cuore delle Dolomiti!

Castel Gardena:
Castello da favola, esso sorge a metà strada fra Selva e S.Cristina e fu costruito tra il 1622 e il 1641 da Engelhard Dietrich. Purtroppo è chiuso al pubblico dal 1926.

La Chiesa di S. Giacomo:
Sopra Ortisei, dove passa l'antico sentiero "Troi Paian", si trova la più antica chiesa della valle dedicata a S. Giacomo, il santo patrono dei viandanti e dei pellegrini. E’ il simbolo della Val Gardena ed ha un enorme valore storico-artistico con le sue preziose sculture, realizzate da artisti locali.

La Cappella di San Silvestro in Vallunga a Selva:
Si trova ai piedi dello Stevia ed è un luogo silenzioso e raccolto, dedicato al santo protettore del bestiame. Durante i lavori di restauro del 1993, sono stati rinvenuti affreschi risalenti a più di 300 anni fa raffiguranti la vita e la passione di Cristo.

Le Rovine del Castello Wolkenstein:
In tutto l'arco alpino nessun altro castello ha un aspetto così inespugnabile e possente.  Arroccato sulla parete dello Stevia, esso è noto anche con i nomi di Nido d'aquila e di Castello dei cavalieri predoni. Il primo nome deriva dalle aquile che nidificano fra le pareti rocciose dello Stevia. Il secondo si riferisce ai Signori di Villandro, terribili predoni che seminavano il terrore in queste zone. Secondo la leggenda, il menestrello Oswald von Wolkenstein vi avrebbe nascosto i suoi gioielli.  Molto più probabilmente, il castello dovette servire come punto di osservazione in virtù della sua posizione strategica.

La lingua ladina nelle valli dolomitiche

Fulcro della cultura ladina è la sua lingua.

Quando i gardenesi si incontrano, parlano quasi sempre in ladino. L'antica lingua retoromanza viene ancora parlata in alcune aree ristrette, ovvero nelle valli ladine delle Dolomiti come la Val Gardena, la Val Badia, la Val di Fassa, Livinallongo e Ampezzo.  È un'evoluzione del reto parlato dalle tribù originarie e del latino in uso presso i conquistatori romani.
Il ladino è, assieme al tedesco e all'italiano, una delle tre lingue parlate in Alto Adige ed è ancora la lingua madre della maggior parte degli abitanti della Val Gardena.

Alcuni esempi:
> Buon giorno = bon dí
> Buona sera = bona seira
> Come stai? = co vala?
> Grazie! = de gra!

 

 

L'arte scultorea vanta una lunga tradizione in Val Gardena con origini che risalgono al Seicento.

Fino ad un centinaio di anni fa la Val Gardena è stata difficilmente accessibile, sicché i suoi abitanti avevano dovuto, già da molto tempo prima, escogitare un sistema per tenersi occupati nei gelidi ed interminabili mesi invernali, durante i quali scolpivano il legno per poi vendere i loro manufatti nei mesi estivi. Alla fine del 18° secolo l'arte scultorea gardenese aveva acquisito tale presigio che i gardenesi iniziarono ad esportare le loro creazioni in tutto il mondo. Oggi vengono organizzate numerose mostre ed esposizioni, come ad esempio la famosa fiera dell'arte gardenese ,"UNIKA" , che ha luogo in estate. Le opere realizzate sono contrassegnate da un marchio di qualità, essendo per la maggior parte intagliate nel legno di pino cembro. Altri tipici esempi di questa antica e ancor viva tradizione sono la rassegna pubblica dei presepi in legno che si tiene nel periodo dell’Avvento e il concorso invernale per la realizzazione di sculture di neve e ghiaccio.

Il costume tradizionale gardenese è uno dei più belli e pregiati di tutto l'Alto Adige, nonostante abbia perso la sua funzione di abito quotidiano nel corso degli ultimi decenni.

Oggi viene indossato solo in occasione di eventi importanti come le processioni religiose, le feste paesane, i cortei folcloristici e talvolta anche come abito da cerimonia nuziale. Le bande musicali con i loro costumi sono parte integrante di ogni grande giornata di festa.
La funzione principale del costume gardenese era quella di differenziare gli strati sociali in base alle sue fogge. Nei secoli scorsi, quando la maggior parte della popolazione locale viveva ancora di agricoltura, il costume tradizionale era molto sobrio e tuttavia, a differenza degli abitanti delle altre valli altoatesine, i gardenesi amavano cambiarlo spesso. Quando poi fu possibile a tutti viaggiare per il mondo, i gardenesi importarono dettagli preziosi da altri paesi e adattarono il proprio stile.

"La più grande festa dell'anno" si dice in Val Gardena e non ci si riferisce affatto al Natale o alla Pasqua, bensì al grande mercato autunnale detto "Marciá de Segra Sacun" che si svolge ogni anno ad ottobre.

Questo mercato è uno dei tanti grandi mercati agricoli che si svolgono in autunno. In occasione del Marcià de Segra Sacun le vie del centro di Ortisei si riempiono di bancarelle con specialità culinarie e prodotti artigianali; si tratta di una grande festa paesana. Secondo i dettami di un’antica tradizione, ragazze e signore vengono omaggiate da una pera adornata con un fiocco, un gesto che in passato equivaleva ad una dichiarazione d'amore.

 

 

Offerte Top per le Vostre vacanze
Offerte famiglia – settimane bianche e settimane escursionistiche







10 buoni motivi per una vacanza all'Hotel Oswald

  • in posizione centrale nel cuore di Selva Val Gardena
  • cucina eccellente e servizio ottimale
  • camere eleganti e confortevoli
  • solo pochi passi per la montagna e le funivie della Val Gardena
  • punto di partenza ideale per escursioni, arrampicate e gite in mountain bike in estate
  • punto di partenza ottimale nel famoso comprensorio sciistico Dolomiti Superski
  • accesso diretto al tour panoramico del Sellaronda
  • casali pittoreschi, tradizioni della Val Gardena, panorami da non perdere e attrazioni culturali
  • panorama mozzafiato
  • una buona aria fresca assicura benessere e buon umore


Camere & suites eleganti nell'Hotel Oswald
Soggiorno confortevole nel nostro Hotel nelle Dolomiti






Seguiteci anche su


+39 0471 795151 info@hoteloswald.com
Check-in Check-out
Arrivo
Partenza
Adulti
Bambini
Nome
Email
Tel